Concimi  ›   Informazioni tecnica  ›   Colture  ›  

Cereali

Concimazione equilibrata, garanzia di qualità

Potassio: essenziale per la resa in granella

Potassio: il garante della qualità nei cereali

Magnesio e zolfo: produttività e qualità superiori

Raccomandazioni per la concimazione

 

Concimazione equilibrata, garanzia di qualità

Oltre all’impiego nel settore alimentare e mangimistico, si sta facendo sempre più strada l’impiego dei cereali come biomassa per la produzione di energia rinnovabile e di biocombustibili.

Una concimazione razionale può favorevolmente influenzare buona parte delle caratteristiche qualitative ricercate nella granella e dipendenti dal tipo di destinazione finale. Di conseguenza, non è sufficiente ottimizzare il solo apporto di azoto ma anche quello di potassio, magnesio, zolfo e microlelementi.

 

In base al tipo d’impiego finale, i parametri qualitativi più importanti sono i seguenti:

 

 
Panificazione
Alimentazione animale
Cereali da seme
Produzione della birra
Resa
+++
+++
++
++
Contenuto proteico
+++
+
 
+++
Indice di caduta di Hagberg
+++
 
 
 
Test di sedimentazione
+++
 
 
 
Peso di mille semi
+
+
++
++
Calibro delle cariossidi
+
 
++
++
Peso ettolitrico
 
 
+
++
Capacità germinativa
 
 
+++
+++
Caratteristiche per macinazione e fermentazione
+
 
 
+++
+ = di una certa importanza; + + = importante; + + + = particolarmente importante

Per tornare all'inizio

 

Potassio: essenziale per la resa in granella

Nei cereali, la resa in granella è il risultato di più fattori quali la densità colturale (numero di spighe/m2) e la resa di ogni singola spiga (numero di spighette/spiga, numero di cariossidi/spiga, peso di mille semi). Tali parametri produttivi possono essere influenzati dal piano di concimazione adottato.

  • L’apporto di potassio (K) incide in modo decisivo sul bilancio idrico della coltura. Una pianta a cui viene garantita un’adeguata concimazione potassica, evidenzia una maggiore efficienza nell’uso dell’acqua disponibile, che si traduce in una resa più elevata.
  • Le scelte fatte in ambito nutritivo si riflettono sul peso di mille semi per effetto di una diversa sintesi, trasporto e immagazzinamento dei prodotti fotosintetici nella granella, unite a un’adeguata disponibilità d’acqua per la coltura.
  • Il potassio migliora la stabilità strutturale delle cellule vegetali. La pianta ne risulta quindi rafforzata, meno suscettibile all’allettamento e più resistente alle malattie; in altre parole, la resa viene massimizzata.

 

Risposta produttiva (peso di mille semi (g)) alla concimazione potassica

 

Concimazione
potassica
Frumento autunnale
(77 sperimentazioni)
Orzo invernale
(72 sperimentazioni)
Insufficiente
43,3
44,1
Ottimale
45,8
46,9
Incremento
+ 5,8 %
+ 6,3 %

Per tornare all'inizio

 

Potassio: il garante della qualità nei cereali

  • Il potassio aumenta le dimensioni della granella (> 2,5 mm di diametro).
  • Per i produttori di orzo destinato alla produzione di birra e di cereali da seme, un maggiore sviluppo della cariosside si traduce in qualità e redditività più interessanti.
  • Una concimazione azotata razionale consente un migliore utilizzo dell’azoto da parte della pianta con conseguente innalzamento del contenuto proteico, dell’indice di sedimentazione e della quantità di glutine.
  • Un elevato contenuto di proteine rappresenta un importante criterio qualitativo per i cereali destinati alla panificazione e all’industria mangimistica.

 

La concimazione potassica innalza il contenuto proteico e l’indice di sedimentazione

 

Concimazione
potassica
Frumento autunnale
(37 sperimentazioni)
Orzo invernale
(32 sperimentazioni)
 
Contenuto proteico
Indice di
sedimentazione
Contenuto
proteico
Insufficiente
14,8
61
12,9
Ottimale
15,6
68
13,4
Incremento
+ 5,4 %
+ 11,5 %
+ 3,9 %

Per tornare all'inizio

 

Magnesio e zolfo: produttività e qualità superiori

Magnesio

  • E' necessario sia per lo sviluppo vegetativo che per la fase di riempimento delle cariossidi.
  • Favorisce la rapida crescita delle foglie nei primi stadi e la tempestiva formazione di spighe e cariossidi. Un adeguato apporto di magnesio è di fondamentale importanza per la fotosintesi della foglia a bandiera e delle glumelle che racchiudono il chicco. Ciò si traduce in un migliore riempimento delle cariossidi e in un eccellente peso di mille semi.

Zolfo

  • L’apporto di zolfo con la concimazione consente un uso più efficiente dell'azoto, promuovendo sia la resa che il tenore di proteine.
  • Un’adeguata nutrizione a base di zolfo garantisce, inoltre, una ben precisa composizione proteica della cariosside, migliorando così la qualità tecnologica del frumento destinato alla panificazione.

 

Nel Korn-Kali® la combinazione unica tra potassio, magnesio e zolfo (rispetto al 60er Kali® -
cloruro di potassio di origine naturale - non contenente né magnesio né zolfo), si traduce in rese colturali significativamente più elevate e in una maggiore efficienza della concimazione azotata.

Per tornare all'inizio

 

Raccomandazioni per la concimazione

Uno degli obiettivi della concimazione è preservare la fertilità del suolo nel tempo, garantendo la stabilità produttiva delle colture. Ciò richiede il mantenimento di un adeguato contenuto di elementi nutritivi nel terreno, attraverso la restituzione delle asportazioni colturali (frazioni di nutrienti assorbiti dalla granella in base al livello produttivo) e delle perdite (lisciviazione e erosione) tramite l’impiego di concimi.

I fabbisogni totali considerano le asportazioni ed i residui colturali (non reintegrati se lasciati in campo).

 

Concimazione al terreno

Nell’elaborazione di un piano di concimazione per i cereali, bisogna tenere in considerazione tanto la fertilità e la condizione del terreno (analisi chimico fisiche), quanto la qualità attesa del prodotto finale.

 

Fabbisogni totali (residui colturali inclusi) Asportazioni colturali
(granella)
Raccomandazioni d’impiego
con un livello medio di fertilità del terreno
    Fabbisogni totali Asportazioni
(kg/ha)
K2O / MgO / SO3
(kg/ha)
K2O / MgO / SO3
Potassio Magnesio Potassio Magnesio
Cereali
(resa 8 t/ha)
140 / 30 / 50 50 / 20 / 40 350 kg di Korn-Kali® 120 kg di ESTA® Kieserit 125 kg di Korn-Kali® 100 kg di ESTA® Kieserit
    Korn-Kali ESTA Kieserit Korn-Kali ESTA Kieserit

 

 

Concimazione fogliare

  • Per soddisfare i picchi di fabbisogno e per il controllo di carenze latenti di magnesio e zolfo, si raccomanda l’uso di 15-25 kg/ha di EPSO Top® alla concentrazione del 5 %. In caso di carenza grave, è possibile impiegare una dose superiore, fino a 50 kg/ha, suddivisi in due-quattro applicazioni frazionate.

    EPSO Top®

  • Nel caso in cui occorra un apporto supplementare di manganese e zinco, è consigliabile l’impiego di circa 20-30 kg/ha di EPSO Combitop®, frazionati in due o tre applicazioni a partire dalla ripresa vegetativa.

    EPSO Combitop®

Scegli un sito web